Seleziona le tue preferenze relative ai cookie
Utilizziamo cookie e altre tecnologie simili (congiuntamente i “cookie”) per fornire i nostri servizi, per capire come i clienti li utilizzano, in modo da poterli migliorare, e per offrire pubblicità.
Personalizza i cookie
Si è verificato un problema durante il salvataggio delle tue preferenze sui cookie.

La realizzazione di Deserti di zolfo: Lore, progettazione e concept art

30 settembre 2022
|
Generale

Salve, avventurieri!

Il rilascio di Deserti di zolfo è il culmine di mitologie romana ed egizie, lore e lezioni apprese dal lancio di New World. Ogni pixel è stato meticolosamente realizzato dal team di sviluppo, mentre ogni dettaglio narrativo è stato curato dal nostro team responsabile della narrazione. In previsione dell’imminente rilascio, siamo andati dietro le quinte con entrambi i team per scoprire di più sulla realizzazione di Deserti di zolfo. Discutiamo insieme sulla lore, la realizzazione e il concept art della nuova area. Potrebbero anche esserci delle storie divertenti sugli sviluppatori.

La lore di Deserti di zolfo

Il nostro viaggio nella storia di Deserti di zolfo è iniziato con il progettista narrativo Aaron de Orive:

“Dato che New World è ambientato sulla Terra, ci siamo ispirati a delle figure storiche e leggende per sviluppare la storia dei Deserti di zolfo” ha spiegato Aaron. “Volevamo creare un’antica civiltà egizia e abbiamo concordato che un personaggio straordinario come Imhotep sarebbe stata la scelta perfetta. L’area racconta la storia del suo arrivo e le interazioni degli Egizi con gli Antichi. Inoltre, volevamo creare un’era dominata dai Romani, perciò abbiamo aggiunto figure dell’epoca di Giulio Cesare.”

Aaron ha continuato a rivelare la direzione narrativa. “Esplorando i Deserti di Zolfo, svelerete la tragedia che ha colpito entrambe queste civiltà, oltre a scoprire più indizi sulla lore degli enigmatici Antichi e sul mistero dell’isola”.

Grafica dei Deserti di zolfo

La nostra prossima missione ci ha condotto da David McKenzie, Lead Zone Designer, con il quale abbiamo esplorato molti dei temi centrali dietro il lavoro del team di progettazione:

Sviluppo degli antichi glifi

“Gli Antichi Glifi sono stati scoperti originariamente in un concept art riguardante i ‘greeble’ (cioè piccoli dettagli nel mondo artistico),” ha spiegato MacKenzie. “I glifi erano graficamente così belli e unici e usati ovunque nel gioco, dai rompicapi delle spedizioni ai forzieri nell’open-world, che abbiamo deciso di dare loro un significato e uno scopo. E quale migliore località per concepire l’idea di una misteriosa lingua antica se non i Deserti di Zolfo, una delle civiltà più antiche di Aeternum?

Grazie alla designer/antropologa Carrie Berg, ai glifi è stato conferito il significato originale basato sulle forme comuni di simboli scoperti nelle lingue primordiali sulla Terra. “Gli antichi glifi, inizialmente, dovevano essere solo pagine di Diario che sbloccavano una parola in una lingua antica, finché i nostri disegnatori del mondo di gioco hanno cominciato a costruire fantastici dispositivi e aggeggi antichi. Abbiamo iniziato utilizzare gli antichi glifi per i portali e ad altre meccaniche di gioco e a costruire un’interazione unica.”

Prova di salto

La prima vera prova di salto nei Deserti di Zolfo è stato il Luogo dei pilastri. “Uno dei nostri artisti, Tirzah Bauer, ha usato il design originale per creare 11 prove di salto, avviando un effetto domino in molti dei nostri altri PDI,” ha affermato McKenzie. “L’altra prova di salto sui cui ha lavorato Tirzah è stata la cima dell’Acropoli. Questa esperienza è piaciuta subito ai giocatori ed è diventata la nostra fonte di ispirazione per tutti gli altri PDI.”

Mitologia dei Deserti di Zolfo

Uno dei pilastri centrali dei Deserti di Zolfo è la mitologia e i pantheon. Il suo significato si evince subito da alcuni dei nomi delle aree. “Volevamo creare un racconto autentico, strettamente associato alla mitologia dell’antico Egitto e romana,” ha continuato McKenzie. “Una delle esperienze più divertenti è stata creare manufatti, IA con nome, luoghi di interesse e altri segreti associati a queste divinità antiche, ai loro riti e rituali. L’Enneade è un gruppo di nove dei nella mitologia dell’antico Egitto. La nostra spedizione ha preso il nome da lì. Perciò abbiamo chiamato ciascun PDI con il nome di una delle nove divinità presenti in questo pantheon per dargli un significato speciale.”

Il Verme nella sabbia

“Sviluppare il Verme nella sabbia è stato un progetto molto eccitante,” ha spiegato McKenzie. “La velocità di iterazione era molto alta e ci sono voluti molti test per correggerla. Uno dei miei momenti preferiti è stato quando abbiamo testato il Verme di sabbia. Abbiamo impostato il suo timer di rigenerazione a pochi secondi nella nostra build degli sviluppatori. Questo ha generato un numero talmente alto di Vermi nella sabbia da rigenerare in ogni zona del deserto durante il nostro test in studio che ha quasi arrestato il server. Nonostante questo, il feedback che abbiamo ricevuto dai nostri colleghi sviluppatori è stato assolutamente positivo, anche se creare ripetuti arresti ai loro client.”

Le Grandi Mura di Nebet-Het

“Il PDI le Grandi Mura nei Deserti di Zolfo è il culmine di una serie di lezioni apprese durante la sviluppo dell'area,” ha aggiunto McKenzie. “Verticalità, segreti e la località in cui i giocatori possono aggiornare le loro Rune a cuore e sbloccare le relative abilità, si trovano tutte nelle Grandi Mura. L’artista che ha lavorato al suo sviluppo, Mia DelCasino, ha fatto un lavoro eccezionale con la creazione di questo PDI, uno dei (se non ‘il’) più grande PDI di tutto New World.< Questo punto è pieno di stanze segrete bloccate da mura magiche, collegate alla nostra rete di portali con glifi; inoltre, ha persino una zona d’élite.”

L’acquedotto

McKenzie ha fatto luce anche su alcune sfide del team:

“C’è una missione secondaria nei Deserti di Zolfo che sfida il giocatore ad attraversare un enorme acquedotto che domina le sabbie,” ha affermato McKenzie. “Inizialmente, avevamo chiesto al giocatore non solo di attraversarlo, ma una volta raggiunto l’altro lato dal quale bisognava cadere, di e rotolare all’indietro in posizione prona attraverso una piccola apertura nella struttura dell'acquedotto. Questa fase è stata subito tagliata a causa di restrizioni a livello tecnologico e di budget, ma l’esperienza di rotolare attraverso un tunnel stretto e claustrofobico in alcune rovine antiche è stato un momento davvero emozionante. Speriamo di poter rivivere quell’esperienza in futuro.”

L’audio Dei Deserti Di Zolfo

Michael Finley, Senior Sound Designer, ci ha raggiunti per svelarci la parte finale del nostro tour dietro le quinte:

Audio Design Concept Delle Antiche Creature Dei Deserti Di Zolfo

"Abbiamo scoperto una forte dicotomia in ciò che gli Antichi dei Deserti di Zolfo rappresentano." ha spiegato Michael. "Gli Amalgama e gli Anubiani antichi sono organismi meccanici, programmati e automi del futuro, ma ancora molto umani nella loro essenza, in quanto abbracciano lo spirito della civiltà umana dei tempi antichi. Volevamo catturare questa dicotomia e unire insieme questi due concetti opposti nella realizzazione del suono. “Creature di un antico futuro” è stata la definizione che abbiamo usato come ispirazione per il concept audio”.

“Il nostro obiettivo era di trovare il suono principale che rappresentava la fisica meccanica ma anche la scintilla emozionale per esprimere ciò che significava “antico”, che abbiamo definito come qualcosa che evoca umanità.”

“Il didgeridoo, uno strumento antico inventato almeno 1000 anni fa, è riuscito a fissare l’identità sonora degli Antichi dei Deserti di Zolfo. Abbiamo avuto la sensazione che fosse la metafora perfetta con cui invocare il senso di una tecnologia viva.”

“Questo strumento ci ha aiutato a distaccarci dai suoni comuni, digitali, high-tech, striduli e monotoni che vengono solitamente usati nel genere di fantascienza. Questa idea ci ha aiutati a immaginare un essere antropologicamente più autentico con un’essenza emotiva più umana.”

Controllate il PTR per scoprire di più sulla lore, sulla progettazione e i concept prima che il rilascio dei Deserti di Zolfo vada live. Grazie per il vostro supporto! Ci vediamo ad Aeternum!

Condividi